Non chiamatemi Lomographer

Guida introduttiva per entrare nel mondo della fotografia analogica per cominciare a scattare a pellicola

Negli ultimi anni stiamo assistendo a un vero e proprio ritorno in auge della pellicola nel mondo della fotografia artistica. I colori della kodak portra o la ricchezza di sfumature di grigio della Ilford Hp5+ sono spesso emulati con filtri di photoshop ma l’autenticità di una foto su film non si riesce davvero a copiare.

Se siete nati nell’era del digitale o se avete lasciato per lungo tempo la vostra macchina a pellicola nel cassetto forse potreste trovarvi spiazzati all’idea di entrare in questo mondo.
In realtà è più semplice di quanto si possa pensare basta un pò di studio e qualche trucco.

Per questo motivo ho deciso di scrivere questo breve articolo in cui vi do qualche spunto su come iniziare a fotografare a pellicola senza fare strafalcioni, buttare soldi o nella peggiore delle ipotesi lanciare la macchina dal terrazzo.

Scegli la tua prima macchina analogica

Molto spesso ci si trova molto in dubbio quando si deve scegliere la prima macchina a pellicola, ci sono un sacco di marche e di sistemi diversi, inoltre la pellicola non ha sempre lo stesso formato e ci si trova spesso spiazzati.

Per evitare di spendere molti soldi in attrezzatura è bene scegliere innanzitutto il formato che ci interessa, esistono tre tipi principali di formato di pellicola:
1. Pellicola 35mm: i classici rullini formati da un cannister metallico e dalla pellicola con le perforature laterali che permettono l’aggancio al sistema di trascinamento.
2. Pellicole medio formato dette 120: sono più grandi delle normali pellicola 35mm e permettono di scattare foto quadrate in formato 6×6 o rettangolari 6×4.5. Vengono usate dalle macchine professionali come Rolleiflex, Hasselblad e Mamiya ma anche da molte altre con prezzi più abbordabili come Yashica o Zenza Bronica.

3. Pellicola a lastra: sono usate dai banchi ottici, sono molto costose e più difficili da sviluppare.

NB Prestate attenzione se andate ai mercatini che alcune macchine fotografiche possono usare anche formati che non sono più disponibili in commercio come il formato 620 diffuso in molte Kodak Brownie, le cassette delle Kodak Disk o le pellicole a strappo della Fuji Fp-100.

Inizialmente vi suggerisco di cominciare con una macchina 35mm perchè i rullini sono più economici e avrete una grandissima scelta di macchine e sistemi. Evitate di prendere macchine russe di scarsa qualità come le Zenit alla fin fine è spesso demotivante scattare con una macchina con i tempi sballati e che vi rovina ogni foto. Evitate anche di spendere subito una fortuna per una Leica prima di essere sicuri che la fotografia analogica faccia per voi. Scegliete una macchina affidabile e con molte ottiche reperibili magari una Pentax Spotmatic, un Olympus Om10 o una Yashica 3000. Le marche blasonate come Canon e Nikon offrono molti ottimi modelli come la Canon AE1 o la Nikon F1 ma i prezzi sono in genere più alti.
La macchina ovviamente deve avere un obiettivo, evita assolutamente gli zoom che sono spesso di scarsa qualità, meglio un corredo con ottiche fisse, 35mm, 50mm e 100mm sono la tripletta ideale per la maggior parte delle foto. Le macchine vecchie possono aver problemi di muffe o distacco delle lenti pertanto va sempre verificato che tutto sia apposto.

Scegliere la pellicola

Una volta comprata la prima macchina è ora di scegliere il film in base al formato che avete scelto e all’effetto che volete ottenere. Se non conoscete nessun fotografo che sviluppi in modo tradizionale i rullini dovrete rivolgervi a un minilab che sviluppa solo i rullini di tipo C41.
Il C41 è un processo di stampa adatto alla maggior parte dei rullini a colori (Agfa Vista Plus, Kodak Color Plus, Kodak Gold, Kodak Portra) e solo alcuni rullini in bianco e nero (Ilford XP2 200 o 400). Siccome oggi la pellicola è un settore di nicchia è sempre più difficile trovare un laboratorio che offra risultati di buona qualità e che non riusi le stesse chimiche per mesi rovinando lo sviluppo del vostro prezioso rullino.
Se invece potete far sviluppare il rullino da un fotografo avete risolto la maggior parte dei problemi anche se il costo è più caro.
Per iniziare vi suggerisco di usare solo pellicole bianco e nero affidabili che vi garantiscano risultati costanti (Ilford Hp5+, Ilford Fp4+, Kodak Tri-X, Rollei Rpx 400) e di passare solo in un secondo momento verso rullini più particolari ma difficili da usare e spesso costosi (Rollei retro 400S, Rollei retro 80S, Bergger Pancro, Ferrania P30).

Consigli per iniziare

36 pose sono poche quindi il modo di scattare a pellicola è necessariamente diverso rispetto al digitale. Si impara a studiare meglio la scena a capire la luce, ad esporre correttamente e si acquisisce sempre più consapevolezza. Spesso la cosa più difficile è imparare ad esporre, il mio primo suggerimento è di evitare l’esposimetro della vostra reflex sopratutto sui modelli più vecchi e compratene uno economico esterno (sekonic e Gossen hanno vari modelli che si trovano su ebay a buon prezzo). Se uscite anche con la reflex digitale potete impostare gli stessi Iso del rullino e fare una prova preliminare. Questo approccio vi aiuterà a prendere sicurezza ma ricordate di affinare l’occhio e sforzatevi di capire i valori che dovete impostare sulla reflex e non limitatevi a seguire gli automatismo.

Entra nel mondo della fotografia istantanea

Non c’è niente di più divertente che scattare una istantanea ed attendere i 12 minuti necessari allo sviluppo per ammirare il risultato con i suoi colori slavati pastello. Non c’è filtro di Instagram che possa battere una Polaroid.
Anche qui state attenti ai formati di pellicola, scegliete solo una macchina compatibile con il formato SX70 o 600.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: